itenfrdees

Facebook L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Twitter L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Google+ L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

YouTube L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

 

 

 

 

Di Eros Garelli e Paolo Castellano
Foto di Kyra Laihiala

MansintheAbsinthe

Per Aspera ad Astra
La presente (e un po’ tardiva) introduzione/recensione del Mansinthe vuole essere un piccolo omaggio personale alla nostra nuova e bravissima fotografa, grande estimatrice di Marylin Manson.

Parlando con lei e spulciando su internet, ho visto che le domande tipiche che i fan del cantante si pongono sono soprattutto le seguenti:

1) Quali rapporti può avere Manson col mondo (o con lo stereotipo che si ha) dell’assenzio?

2) Il Mansinthe è un assenzio autentico o si tratta esclusivamente di un’operazione di marketing?

Per rispondere alla prima domanda è indispensabile fare una piccola premessa storica, mentre il secondo quesito troverà spazio nella recensione vera e propria.
Assenzio, un feticcio gotico.

In occasione del lancio del nuovo Absinthe Blanche, e della nuova ricetta del Verte, l’azienda Mistico Speziale mette a disposizione dei membri dell’Academie d’Absomphe 10 sample omaggio (ognuno comprendente le due versioni), che potete prenotare utilizzando esclusivamente dal forum del sito de L'Académie d'Absomphe.

Ingredienti e preparazione

  • 6 cl. Rye whiskey
  • 2 cl. Vermouth rosso
  • 0,5 cl. Cherry Heering (o altro cherry brandy)
  • 0,5 cl. Assenzio

PREMESSA

Prima di parlarvi del/i Kirkhope inizierei col sottolineare, al fine di evitare che qualcuno capisca fischi per fiaschi, che tutti gli assenzi appartenenti a questo “brand” (ovvero il bianco, il verde e il facon ancienne) sono degli HG.

Cosa significa? Significa che si tratta di absinthe(s) amatoriali, distillati esclusivamente per passione e non per la vendita.

Ovviamente (e alcuni di voi lo staranno sicuramente pensando) il significato del termine HG dovrebbe essere ben chiaro a chi ci legge/segue (da un po’ di tempo), ma ho voluto puntualizzarlo ancora una volta, nel caso in cui il presente articolo dovesse essere condiviso su siti/forum/social network non specializzati.

Fatta questa (da una parte inutile, dall’altra fondamentale) premessa, passiamo a conoscere un po’ meglio il produttore/prodotto.

www.feeverte.net/forum/index.php?showtopic=5361

LA GENESI DI UN PROGETTO AMBIZIOSO

“A mete eccelse per anguste vie”
(V. Hugo)

Absinthe L'AncienneStefano Rossoni (Conte di Ugenta sul nostro forum), è internazionalmente conosciuto per L’italienne (distribuito per un breve periodo in Italia nella versione prototipo #2 e, successivamente, in esclusiva, da LDF), e il (più recente) La Grenouillenato inizialmente per il (difficile) mercato italiano e ora regolarmente prodotto e distribuito da Martin Žufánek in Repubblica Ceca.

Se L'Italienne e il La Grenouille si distinguono dalla concorrenza per il loro carattere piuttosto particolare (chi a torto o a ragione associa l’assenzio all’anice, in questi due prodotti ritroverà piuttosto sapori mediterranei come la lavanda e il cardamomo..), L’Ancienne punta invece a realizzare un qualcosa di decisamente più ambizioso: tentare di riprodurre un assenzio vintage per il mercato contemporaneo!

Qualcuno potrebbe dire che è la stessa cosa che (già) sta facendo la Jade da diversi anni, ma in realtà non è così: la Jade tenta, con esiti altalenanti (abbastanza convincenti per quel che riguarda il 1901 pre-2007, più deludenti per i Verte Suisse – se confrontato al carattere completamente diverso dell’antico Berger..) di replicare gli assenzi pre-bando (più o meno) esattamente come si presentavano all’epoca.
Purtuttavia, chi ha avuto la possibilità di assaggiare assenzi vintage sa perfettamente che dopo 100 anni di invecchiamento (ma forse già da “giovani” in molti casi potevano dar del filo da torcere alla produzione attuale..) può cambiare (e di molto) il sapore, l’aroma, il colore, insomma, (quasi) tutto.

Ingredienti e preparazione

  • 4 cl. assenzio (consigliato il Montmartre)
  • 2 cl. Triple sec (consigliato il Combier)
  • goccie di limone
  • zucchero semolato
  • una zolletta di zucchero
  • acqua fredda

Ingredienti e preparazione

  • 2 cl. assenzio Kubler
  • 2 cl. Rye whiskey Michter’s
  • 2 cl. succo di limone
  • 2 cl acqua tonica
  • 4 more
  • rametto di menta

Ingredienti e preparazione

  • 3 cl. Succo di arancia fresco
  • 3 cl. Liquore St. Germain
  • 3 cl. Assenzio
  • 2 cl. Crema di latte
  • 3 fragole

Ingredienti e preparazione

  • 1/3 (2,3 cl.) Vermouth dry francese
  • 1/3 (2,3 cl,) Vermouth rosso italiano
  • 1/3 (2,3 cl.) Assenzio (consigliato Kubler)

Ingredienti e preparazione

  • 3/4 oz. (2,2 cl.) dry gin
  • 3/4 oz. (2,2 cl.) Cointreau
  • 3/4 oz. (2,2 cl.) Lillet blanc
  • 3/4 oz. (2,2 cl.) succo di limone
  • spruzzata di assenzio

Ingredienti e preparazione

  • 3/4 oz. (2.2 cl.) rye whiskey
  • 3/4 oz. (2.2 cl.) sweet vermouth
  • 3/4 oz. (2,2 cl.) Benedectine
  • 3 dashes Edouard absinthe
  • 3 dashes Peichaud’s bitters
  • dash= spruzzata (6 gocce)

Ingredienti e preparazione

  • 4 cl. Assenzio (consigliato il Nouvelle Orleans della Jade)
  • 1,5 cl. orzata
  • 1,5 cl. sciroppo di zucchero
  • 1 albume
  • ghiaccio tritato

Ingredienti e preparazione

  • 5 cl Gin
  • 3 cl succo d’arancia fresco
  • 2 gocce Assenzio
  • 2 gocce sciroppo di granatina

Con il Sazerac cominciamo a postare una serie di ricette di cocktail a base di assenzio, questo può essere considerato tra i più storici in assoluto.

Ingredienti e preparazione:

  • 5 cl. cognac
  • 1 cl. assenzio
  • 2 spruzzate Peichaud’s bitter
  • 1 zolletta di zucchero di canna bianco
JSN Dome template designed by JoomlaShine.com