itenfrdees

Facebook L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Instagram L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Twitter L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Google+ L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

YouTube L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

 

 

 

 

Topic-icon Absintissimo

Di più
2 Anni 4 Mesi fa - 2 Anni 4 Mesi fa #444 da Sine Lux
Absintissimo è stato creato da Sine Lux
www.absintissimo.ch/

Si tratta di una delle tante distillerie svizzere, ma contrariamente a molte di esse è praticamente impossibile trovare i suoi prodotti sui principali vendor online (a me, almeno, non è mai capitato di trovarne).
René Wanner, che gestisce la distilleria, è un ex poliziotto che, ai tempi, era solito chiudere un occhio sul commercio clandestino di assenzio e che, una volta giunte l'età della pensione e il ritorno alla legalità dell'assenzio, ha deciso di produrne lui stesso. I suoi prodotti si presentano tutti in modo molto semplice: bottiglia trasperente da mezzo litro, piccola etichetta con scritto il nome dell'assenzio. E' specializzato soprattutto in bleue, ma ha realizzato anche un paio di verdi, un rosso e... un bleue che è davvero blu.

Apro il topic più che altro per curiosità, per sapere se qualcuno li ha provati o li conosce. Personalmente non li conosco molto, e gli unici che ho provato non mi hanno troppo convinto. Mi riferisco a "la 68... harde", un bleue che, nonostante nel 2014 abbia ottenuto la medaglia d'oro nelle Absinthiades nella categoria Blanche, a me è parso molto, molto classico. Sicuramente buono, ma nella media dei banchi svizzeri, senza niente che lo differenziasse in modo particolare. L'altro assenzio con cui ho avuto esperienza è stato il Bloody Fairy, un rouge che proprio non mi è piaciuto: l'ho trovato privo non solo delle particolarità di un rosso, ma anche più simile a un pastis che a un assenzio: oltre all'anice stellato, non ho distinto altri sapori.
D'altra parte, in entrambi i casi si è trattato soltanto di mini assaggini alle Absinthiades, neanche un bicchiere intero, e credo che sia troppo poco per giudicare. Di certo, però, non sono invogliato a comprare alcuna bottiglia, al momento. Rimane, però, la curiosità per quell'assenzio blu, "De bleu de bleu", che potete vedere nella sezione "prodotti" del sito. Ora, io ho imparato a storcere il naso di fronte a ogni assenzio che non fosse trasparente, verde, giallo o al massimo rosso; qui però mi trovo sul sito di un distillatore di assenzi autentici (benché lontani dall'eccellenza, o almeno così era due anni e mezzo fa) che scrive esplicitamente "teintée naturellement". Certo, la curiosità non è abbastanza per comprare una bottiglia, ma lo è per chiedere a voi cosa ne pensate. Quali ingredienti potrebbero donare a un assenzio il colore blu? E che sapore potrebbe avere? Aggiungo che, se quest'anno dovessi riuscire ad andare a Boveresse, farò di tutto perprocurarmene un assaggio. Con poche speranze, forse, ma comunque con un certo interesse.
Ultima Modifica 2 Anni 4 Mesi fa da Sine Lux.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 4 Mesi fa - 2 Anni 4 Mesi fa #445 da Gothippy
Risposta da Gothippy al topic Absintissimo
Grazie per le informazioni.
Quasi sempre ci si trova in grande disaccordo con gli assenzi premiati alle Absinthiades.

Il "De Bleu de Bleu" mi sembra di un colore troppo innaturale, nonostante sia indicato che è colorato naturalmente.
Forse è un bene che questi prodotti non si trovino in vendita online. Vediamo però se qualcun altro ha avuto possibilità di assaggiare qualcosa.
Ultima Modifica 2 Anni 4 Mesi fa da Gothippy.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 4 Mesi fa #451 da Stefano Rossoni
Risposta da Stefano Rossoni al topic Absintissimo
Mah e' un po' strano come colore, ed effettivamente ci potrebbero essere delle scappatoie per usare coloranti che vengono classificati "naturali". Per esempio alcuni distillatori anni fa avevano sperimentato con l'estratto di gardenia per una colorazione verde brillante. Tecnicamente era una colorazione naturale, ma di fatto sempre si tratta di un colorante!

In questo caso vedendo che e' un blu un po' violetto potrebbe essere colorato con petali di violetta, ma se fosse cosi' mi aspetterei di vedere un cambiamento di colore col tempo perche' il colore di violetta non e' molto stabile. Ci sono altri fiori blu ma sono abbastanza rari. Il Sig. Wanner ha una buona reputazione e conosco alcuni cui i suoi assenzi piacciono molto, quindi gli darei il beneficio del dubbio, anche se personalmente non so se prenderei una bottiglia senza sapere niente (la descrizione del prodotto e' molto spoglia). Se lo provi facci sapere!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.319 secondi
JSN Dome template designed by JoomlaShine.com