itenfrdees

Facebook L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Instagram L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Twitter L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

Google+ L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

YouTube L'Académie d'Absomphe - Associazione italiana per la tutela dell'Assenzio

 

 

 

 

Di Matteo Gennari

Pernod Fils Tarragona (1930)ABSINTHE: Pernod Fils Tarragona (1930 circa)
TIPOLOGIA: Verte

COLORE 9/10
Pre diluizione: ambrato, affascinante. Nella foto purtroppo escono dominanti le tonalità di verde, ma nel video potrete apprezzarne il colore reale.

Post diluizione: diluito 1:1 il colore è un bianco panna molto corposo, aumentando la diluizione si palesano prima e consolidano poi tonalità gialle

 

LOUCHE 19/20

Potrei descriverlo con una sola parola: “bellissimo”
Ma volendo essere più descrittivi, il luoche inizia con i tempi giusti, non si fa attendere ed al contempo non è precoce.
Le prime gocce non sortiscono effetto, le successive sviluppano i primi accenni di oil trails, quelle che seguono fanno esplodere nubi che dal fondo salgono, come bruma su un lago, fino al top layer; quest’ultimo non perderà mai definizione.

 

AROMA 18/30
Puro: sentori grappini veramente pungenti, non fastidiosi ma sicuramente invadenti, coprono qualsiasi altro sentore, solo l’anice, in coda, riesce a far timidamente notare la sua presenza.
Diluito: l’alcool perde potenza e lascia uscire un’artemisia dai sentori amari.

 

AL PALATO 28/40
Vellutato ma non particolarmente cremoso.
Alcool ed artemisia creano un muro oltre cui anice e finocchio non passano.
Se l’alcool lascia un retrogusto di liquirizia in coda, l’artemisia in fronte ha una acidità mai sperimentata prima, il risultato è una bevanda molto “dry”, impegnativa non tanto sul lato della complessità dei sapori quanto dell’esperienza stessa.
La persistenza è di media durata con reminiscenze di liquirizia ed artemisia.

 

CONSIDERAZIONI E VOTO FINALE 74/100
Ad oggi ho avuto modo di assaggiare alcuni assenzi commerciali, questo è il primo vintage ed in tutta onestà mi ha lasciato un po’ spiazzato: non assomiglia a nulla che abbia bevuto fino ad ora (non saprei se definirlo un aspetto positivo o meno).
Le sensazioni sono amare, astringenti, non l’amaro erbaceo del Duplais, è qualcosa d’altro che fatico ad inquadrare, ma posso supporre sia da imputarsi allo “strain” di artemisia.
Anice e finocchio impercettibili ma non a favore di altre essenze, semplicemente annichiliti da artemisia ef alcool.
Preparato con una zolletta, forse, necessità di ben due od una maggiore diluizione, cosa che rinvio a test successivo.
Indubbiamente non il miglior prodotto assaggiato finora.

Non sei autorizzato ad inserire commenti.

Commenti offerti da CComment

Recensisci un Assenzio
con la nostra

Scheda di valutazione

Scheda di valutazione di un Assenzio

DIVENTA SOCIO

Richiedi la tessera de L'Académie d'Absomphe

tessera socio accademia assenzio

CLICCANDO QUI

JSN Dome template designed by JoomlaShine.com